Benvenuti nel mio piccolo spazio web, qui si parla soprattutto di cucina...ma anche di noi....del nostro mondo...di donne....

lunedì 29 novembre 2010

Risotto alla pilota

 
Oggi voglio postare una ricetta che ho conosciuto lo scorso anno,grazie ad un amico di mio marito...si tratta di un piatto in realtà molto semplice,ma particolare nella sua realizzazione...infatti la particolarità è che il risotto non va mescolato di continuo.... quando ho scoperto questa tecnica...è stato un attimo..adesso faccio così tutti i miei risotti...per quanto riguarda gli ingredienti principali,cioè il riso e il pesto mantovano,mi sono stati inviati direttamente dall'amico di mio marito da Mantova...è ovvio che il pesto mantovano sia praticamente impossibile trovare qui a Roma e in altre città,credo che lo si possa sostituire con della normale salsiccia o luganiga...certo è che il pesto mantovano e il riso inviatomi erano veramente di ottima qualità...

ingredienti:
2 bicchieri di riso vialone nano mantovano
2 bicchieri e mezzo di acqua
250 g di pesto mantovano
poco vino bianco
grana padano grattugiato q.b.
sale
un canovaccio
un coperchio
una pentola dal fondo spesso

Versare acqua e sale in una pentola e portare a ebollizione,aggiungere il riso.
 Dare una leggera mescolata,mettere la fiamma al minimo e lasciar andare per 5 minuti in modo che il riso assorba l'acqua.
A questo punto spostare la pentola sul fuoco più basso sempre al minimo e coprire con un canovaccio e un coperchio.Lasciar cuocere con questo procedimento per circa 18/20 minuti senza mai sollevare il coperchio.
 Nel frattempo frantumare il pesto mantovano in un tegame.
 Aggiungere un poco di vino bianco e far cuocere circa 20 minuti senza l'aggiunta di grassi.
Se utilizzate un altro tipo di insaccato forse sarà necessaria l'aggiunta di un pochino d'olio.
 Trascorso il tempo di cottura aprire la pentola,mescolare il riso ed assicurarsi che sia cotto,aggiustare di sale e versare in una fiamminga (la stessa che userete per servire a tavola) e amalgamate con il pesto;spolverare con il grana grattugiato e attendere 5 minuti prima di servire affinché il riso possa prendere aria.


20 commenti:

  1. Che post interessante!
    Non conoscevo questo procedimento, grazie per averlo spiegato così bene!
    Il tuo risotto è golosissimo, brava!
    Buona settimana baci

    RispondiElimina
  2. Grazie cara...buona settimana anche a te..ciao ciao

    RispondiElimina
  3. Brava.
    Procedimento perfetto.
    E' un riso buonissimo tipico di Castel d'Ario, paese di nascita di Tazio Nuvolari (anche se non c'entra niente con il nome della ricetta.
    Per quanto ne so, come hai detto, puoi sostituire il pesto mantovano con la salsiccia (no olio c'è già il grasso). L'importante è il riso che deve essere Vialone nano.
    Ho prelevato il tuo banner.
    Ciao

    RispondiElimina
  4. Grazie mille caro Gianni....prenderò anch'io il tuo banner.

    RispondiElimina
  5. Hayırlı haftalar, Çok leziz, çok besleyici ve iştah açıcı olmuş ellerinize, emeğinize sağlık.

    Saygılar.

    RispondiElimina
  6. davvero una gran bella ricettina!!

    RispondiElimina
  7. Buongiorno Iaia!
    Buono questo risotto!Magari si potessero avere tutti gli ingredienti tipici di ogni paese!Sarebbe bellissimo!!!Perché ogni città, ogni regione ha le sue prelibatezze!!!
    grazie per la ricetta e buona giornata!!!

    RispondiElimina
  8. Interessante, la ricetta, ed anche il metodo di cottura!!!!
    Proverò sicuramente!!! Noi amiamo i risotti!!!!
    Un bacione grandissimo!!!!!!!!

    RispondiElimina
  9. Buongiorno carissima ,bella idea quella del risotto ..devo provare questa tcnica!!
    Prelevo il bannerino bellissimo!!
    Smacckete

    RispondiElimina
  10. Buongiorno carissima,
    "purtroppo" io sono vegetariana...ma mi rifarò con le prossime ricette e con quelle postàte in precedenza !!!

    Un abbraccio forte a te e Carlottina, e se ti fa piacere leggerla...hai già la mia risposta al tuo commento sul mio blog ! (A titolo puramente informativo, rispondo sempre a tutti!)

    Ciao, alla prossima! ♥

    Maddy

    RispondiElimina
  11. Ciao Iaia deve essere ottimo questo risotto e poi bellissimo il fatto che non si deve stare li a girare e rigirare lo provero' poi ti faccio sapere !!!Prelevo anche io il tuo banner un bacione!!!

    RispondiElimina
  12. non lo conoscevo questo risotto!! MAGNIFICO!!!!

    RispondiElimina
  13. nemmeno io conoscevo questo metodo di cottura del risotto, interessante e chi sa che buono che è con quel pesto lì :-P
    bacibaci e buona settimana.

    RispondiElimina
  14. Grazie mille a tutti...avete lo stesso stupore che ho avuto io quando ho conosciuto questa ricetta...e che paura di bruciare la pentola che avevo...invece è andata bene!
    un abbraccio a tutti!

    RispondiElimina
  15. che bella ricetta!! complimenti :)
    ciao iaia, piacere di conoscerti e grazie della visita al mio blog, ricambio con molto piacere
    l'iscrizione al blog e ho preso il tuo banner, lo trovi alla sezione banner amici del mio blog.
    ciao a presto!!, buona serata!! :)

    RispondiElimina
  16. wow dev'essere gustosissimo questo risotto,Iaia^;^ brava!non ho capito di che salume è fatto il pesto mantovano..prendo anch'io il tuo banner cara e lo posto sul mio blog!!buona serata ed un bacio :-*

    RispondiElimina
  17. un procediemnto che non conoscevo nemmeno io e nemmeno il pesto mantovano ho imparato tante cose, qui

    RispondiElimina
  18. Buonissimo il risotto e questo deve essere particoalrmente gustoso!

    RispondiElimina
  19. la ringrazio molto per la vostra visita alla mia cucina e grazie a voi ho scoperto il vostro, ho il tuo seguace permesso

    Mil besosssss

    RispondiElimina
  20. Grazie di cuore a tutti ...e un caloroso benvenuto ai miei nuovi lettori!<3

    RispondiElimina